Gestire un accertamento tributario

Gestire un accertamento tributario

Il Comune, nell'ambito della propria attività di controllo, può notificare entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello nel quale la dichiarazione andava presentata o il versamento è stato o doveva essere effettuato, avviso di accertamento per omessa, tardiva o infedele dichiarazione oppure per mancato o parziale o tardivo pagamento dell'imposta.

Il Comune verifica la regolarità della posizione dei contribuenti e notifica un avviso di accertamento per informarli dell’esistenza di un loro debito tributario, secondo quanto risulta dalla documentazione in suo possesso, con l'indicazione dell'importo da pagare comprensivo di eventuali sanzioni ed interessi.

Ai sensi della Legge del 27/12/2019, n. 160, comma 792 (Legge di Bilancio 2020), dal 01/01/2020 l’avviso di accertamento costituisce intimazione ad adempiere all'obbligo del pagamento degli importi richiesti entro il termine di 60 giorni dalla data di notifica dell’avviso stesso, decorso il quale, esso diviene titolo esecutivo idoneo ad attivare le procedure cautelari ed esecutive.

Puoi trovare questa pagina in

Aree tematiche: Tasse
Sezioni: Tributi
Ultimo aggiornamento: 04/11/2021 12:43.53