Chiedere l'assegnazione di un alloggio di edilizia residenziale pubblica

Chiedere l'assegnazione di un alloggio di edilizia residenziale pubblica

L'assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica, disponibili e assegnabili agli aventi diritto, è effettuata dal Comune, sulla base della graduatoria definitiva vigente, tenendo conto del numero dei vani di ciascun alloggio, della composizione della consistenza del nucleo familiare.

Per chiedere l'assegnazione di un alloggio occorre presentare la domanda per l'assegnazione di un'unità abitativa, utilizza la modulistica unificata di ERAP Marche.

Requisiti soggettivi

Il richiedente e i componenti del nucleo familiare, devono possedere i requisiti al momento della presentazione della domanda e dell’eventuale assegnazione

Per il solo richiedente:

  • essere cittadini italiani o di un Paese appartenente all’Unione europea ovvero cittadini di Paesi che non aderiscono all’Unione europea, titolari di permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o possessori del permesso di soggiorno di durata biennale. 
  • avere la residenza o prestare attività lavorativa nell’ambito territoriale regionale da almeno cinque anni consecutivi. Nell’ipotesi in cui il numero delle domande di assegnazione pervenute sia inferiore rispetto al numero degli alloggi disponibili, il Comune, al fine di assegnare gli alloggi residui, può ridurre il suddetto periodo sino ad un massimo di due anni previa autorizzazione regionale
  • avere la residenza o prestare attività lavorativa nel Comune in cui si concorre per l’assegnazione, salva la possibilità per il Comune di estendere la partecipazione al bando anche a cittadini di altri Comuni della regione
  • avere un reddito del nucleo familiare, calcolato secondo i criteri stabiliti dalla normativa statale vigente in materia di ISEE, non superiore al limite determinato dalla Giunta regionale. Tale limite è aggiornato, entro il 31 marzo di ciascun anno, sulla base della variazione assoluta dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati verificatasi nell’anno precedente.

Per il richiedente e per ciascuno dei componenti del suo nucleo familiare:

  • non essere titolari di una quota superiore al 50% del diritto di proprietà o altro diritto reale di godimento su una abitazione, ovunque ubicata, adeguata alle esigenze del nucleo familiare che non sia stata dichiarata inagibile dalle autorità competenti. Il requisito si considera posseduto nel caso in cui il titolare del diritto reale non abbia la facoltà di godimento dell’abitazione per effetto di provvedimento giudiziario
  • non aver avuto precedenti assegnazioni in proprietà o con patto di futura vendita di un alloggio realizzato con contributi pubblici o precedenti finanziamenti agevolati in qualunque forma concessi dallo Stato o da enti pubblici, salvo che l’alloggio non sia più utilizzabile o sia perito senza aver dato luogo a indennizzo o a risarcimento del danno.
     

In Comune di Porto San Giorgio…

La domanda può essere presentata unicamente nei termini previsti dall’apposito bando redatto ai sensi della normativa regionale e dalle disposizioni del regolamento comunale

Puoi trovare questa pagina in

Ultimo aggiornamento: 28/10/2021 09:49.20